Vai ai contenuti

20 AGOSTO 2019 - TAVOLO VERDE PER SBLOCCO PAGAMENTI MISURE 10, 11 e 13

Cia agricoltori italiani del Molise: Rassicurazioni dal Tavolo Verde per lo sblocco dei pagamenti misure 10, 11 e 13. Il Direttore regionale Campolieti: “Siamo fiduciosi, ma se nulla cambierà, attiveremo altri canali per tutelare i nostri associati”.


Si è svolto qualche giorno fa il Tavolo Verde, fortemente voluto dalla Confederazione degli  Agricoltori italiani del Molise. Una missiva inviata direttamente all’assessore regionale alle politiche ambientali, Nicola Cavaliere con cui la Cia Molise chiedeva interventi urgenti  su tre aspetti chiave per lo stato di salute delle aziende molisane: sblocco dei pagamenti di liquidazione delle misure 10, 11 e 13 a Superficie a valere sul PSR 2014/2020 per gli anni 2016, 2017 e 2018; pagamento degli Stati di avanzamento lavori per la misura 4.1 e il collaudo con relativa liquidazione dei saldi finali per la stessa misura.
Durante l’incontro, l’assessore Cavaliere ha rassicurato l’interessamento regionale sulle tematiche esposte dalla Cia Molise, affermando di aver avviato un dialogo proficuo con l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura, Agea e quasi sicuramente dal prossimo mese di settembre  si attiveranno i pagamenti.
“Una promessa quella dell’assessore Cavaliere – spiega il direttore della Cia agricoltori del Molise, Donato Campolieti – che ci rasserena, ma il nostro ottimismo è sempre molto frenato. Lo avevamo già spiegato – continua Campolieti – i pagamenti devono essere erogati nell’immediatezza proprio per evitare il collasso di molte aziende agricole. Aspettiamo fiduciosi il mese di settembre ormai vicino, ma se nulla dovesse cambiare, daremo corso a strumenti che tutelino gli interessi dei nostri associati”.



05 AGOSTO 2019 - LETTERA ALL'ASSESSORE REGIONALE CAVALIERE

La Cia Agricoltori italiani del Molise scrive all'assessore regionale Cavaliere " Presto Tavolo Verde o azioni forti di salvaguardia delle aziende associate"

 
Blocco dei pagamenti di liquidazione delle misure 10, 11 e 23 a Superficie a valere sul PSR 2014/2020 per gli anni 2016, 2017 e 2018; mancato pagamento degli Stati di Avanzamento Lavori per la misura 4.1 per “mancato cofinanziamento Regione Molise” nonché il mancato collaudo e relativa liquidazione dei saldi finali per la stessa misura.
 
Su questi tre aspetti importanti per il settore agricolo regionale, che la  Cia Molise chiede risposte concrete, impegni precisi e tempi certi alle istituzioni. Non è la prima volta che la Cia Molise sottopone alla regione le problematiche, ma proprio perché ad oggi nessuna criticità ha avuto soluzione di sblocco, la Confederazione regionale ha messo nero su bianco le proprie richieste. "Riteniamo   che   tale   problematica   possa   avere   radici   lontane   non   avendo,   la   passata amministrazione, programmato negli anni la quota di cofinanziamento della regione prevista  per il periodo  di  programmazione  2014/2020,   oppure - continua la nota - seppur  nelle  previsioni,   tali  somme   sono   state dirottate verso altre voci di spesa. In entrambi i casi - conclude la Cia nella missiva -, si ravvisa una responsabilità amministrativa e politica".
 
Per queste ragioni, la Cia Molise chiede all'Assessorato regionale competente  la convocazione urgente del Tavolo Verde affinché venga ufficialmente  individuata  la  risoluzione   definitiva. In caso di mancato riscontro "saremo costretti - spiega la Cia Molise - a intraprendere azioni forti di salvaguardia e di tutela delle aziende associate".





29 MAGGIO 2019 - NUOVA POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA, PAC, POST 2020

MERCOLEDÌ, 29 MAGGIO ALLE ORE 16:00 PRESSO LA SALA CONSILIARE IN PIAZZA DELLA LIBERTÀ A MONTENERO DI BISACCIA UN APPROFONDIMENTO SULLA NUOVA POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA, PAC, POST 2020.
 
PARTECIPERANNO IL PRIMO CITTADINO DI MONTENERO DI BISACCIA, NICOLA TRAVAGLINI, IL PRESIDENTE DELLA CIA - AGRICOLTORI ITALIANI DEL MOLISE, NICOLINO POTALIVO.
 
RELATORI DEL CONVEGNO IL DIRETTORE DELLA CIA MOLISE, DONATO CAMPOLIETI, IL CAPO DIPARTIMENTO SVILUPPO AGROALIMENTARE E TERRITORI, GIUSEPPE CORNACCHIA.
CONCLUDERÀ I LAVORI DINO SCANAVINO,  PRESIDENTE NAZIONALE CIA.
 
AL TERMINE CI SARÀ L’INAUGURAZIONE DELLA NUOVA SEDE COMPRENSORIALE DELLA CIA DI MONTENERO DI BISACCIA.

 



21 MAGGIO 2019 - IV EDIZIONE DEL FESTIVAL  AGRICHEF

SI È CONCLUSA, MARTEDÌ 21 MAGGIO, LA IV EDIZIONE DEL FESTIVAL  AGRICHEF, TARGATO “TURISMO VERDE", L'ASSOCIAZIONE AGRITURISTICA DI CIA-AGRICOLTORI ITALIANI, NELLA SPENDITA CORNICE DI AMATRICE. SUL PODIO PER IL SECONDO POSTO, LO CHEF PASQUALE FELICE DELL'AGRITURISMO CASALE ROSA DI VINCHIATURO, CHE HA PRESENTATO LA SUA RICETTA "POLLO RUSPANTE RIPIENO". OTTIMO RISULTATO PER IL MOLISE CHE DIMOSTRA ANCORA UNA VOLTA DI ESSERE PERFETTAMENTE CONCORRENZIALE SUI MERCATI NAZIONALI.  L’EVENTO ITINERANTE È STATO  IDEATO PER PROMUOVERE E VALORIZZARE I PIATTI TIPICI DELLA TRADIZIONE CONTADINA. “BELLISSIMO E IMPORTANTISSIMO RISULTATO QUELLO RIPORTATO DAL BRAVISSIMO CHEF PASQUALE FELICE. UN PIATTO TIPICO DELLA CULTURA CULINARIA REGIONALE CHE HA DATO VALORE E PECULIARITÀ ALLA PIETANZA  CONTADINA, MA CHE ANCORA OGGI VIENE SERVITA SULLE NOSTRE TAVOLE.  LA PARTECIPAZIONE DEL MOLISE – SPIEGA IL DIRETTORE REGIONALE DELLA CIA – AGRICOLTORI ITALIANI DEL MOLISE, DONATO CAMPOLIETI –   NON SOLO CI INORGOGLISCE, MA DIMOSTRA QUANTO IL POPOLO MOLISANO SIA SOLIDALE CON UN POPOLO PROVATO, MA CHE SI E’ RIALZATO CON FIEREZZA. IL SECONDO POSTO ASSEGNATO ALLA CUCINA MOLISANA – SPIEGA ANCORA CAMPOLIETI -  APPREZZATA DALLA GIURIA DI ESPERTI NAZIONALI, TESTIMONIA L’ECCELLENZA DEI PRODOTTI MOLISANI. LA NOSTRA CUCINA - CONCLUDE IL DIRETTORE DELLA CIA MOLISE E’ IL CONNUBIO PERFETTO DI SAPORI, PROFUMI, GENUINITA’ E TRADIZIONI CHE ESALTANO  IL GUSTO DELLA NOSTRA PRODUZIONE AGRICOLA”. IL FESTIVAL HA RAPPRESENTATO L’OCCASIONE PER RICONFERMARE IL RUOLO CHIAVE DEGLI AGRITURISMI NEI NOSTRI TERRITORI ED È STATA L’OCCASIONE PER METTERE IN SINERGIA TUTTE LE REALTÀ DEL COMPARTO AFFINCHÈ CONTRIBUISCANO ALLO SVILUPPO DEL TURISMO DEI TERRITORI RURALI.




Parco del Matese, Cia Molise “Il Parco del Matese è lo strumento per realizzare il marketing territoriale e incentivare lo sviluppo delle aree interne”.
  
La Cia Molise torna a discutere dell'istituzione del Parco del Matese e dell'opportunità che rappresenta per il rilancio delle aree interne e dell'economia agricola molisana.
È ormai una triste considerazione, che i piccoli comuni, soprattutto quelli montani a vocazione agricola, si sono avviati verso il declino urbano. Per arrestare l'esodo collettivo è opportuno che tra gli obiettivi da fissare ci sia proprio la ripresa dell'economia nell'area del Matese, quella, appunto, più vulnerabile alle dinamiche dell'emigrazione.
Il Parco del Matese non deve essere inteso in senso restrittivo, individuando limiti, che di fatto non esisterebbero, se lo si guarda in un discorso più ampio. Il Parco del Matese rappresenta la chiave di svolta dei piccoli agricoltori, che faticano anche a commercializzare i propri prodotti. Il marchio del Parco rappresenterebbe il bigliettino da visita indispensabile, è la garanzia di un prodotto sano, genuino, tracciabile all'origine e il passe-partout in mercati sempre più ricercati.
La nascita del Parco, sarebbe per le aree interne depresse, l'opportunità che valorizzerebbe il patrimonio paesaggistico, agroalimentare e zootecnico dei territori. É in corso di studio anche l'applicazione di misure di fiscalità di vantaggio nei comuni interessati.
Il Parco del Matese molisano è una ricchezza naturale il cui potenziale socio-economico non può non essere preso in considerazione.
Il Parco del Matese rappresenta uno strumento utile a realizzare il cosiddetto “Marketing Territoriale”, atto a veicolare persone sul nostro territorio, alle quali proporre le nostre peculiarità enogastronomiche oltre che trasformarli in "veicolo nel mondo" .
La Confederazione molisana degli agricoltori continuerà la campagna di informazione sul territorio, auspicando che ci sia sempre più partecipazione e condivisione di un progetto indispensabile per il Molise e i molisani.



Sabato 23 Febbraio 2019
Grand Hotel Rinascimento, Via Labanca 37, Campobasso - ore 16:30


Descrizione del libro: Prefazione di Gian Antonio Stella
Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio da Cosa nostra. Un busi-ness “legale” e inesplorato. Boss che riuscivano inspiegabilmente ad affit-tare tanti ettari di terreno nel Parco dei Nebrodi, in Sicilia, terrorizzando allevatori e agricoltori onesti, li lasciavano incolti e incassavano i contri-buti dell’Unione Europea perfino attraverso “regolari” bonifici bancari.
Un meccanismo perverso che si perpetuava di famiglia in famiglia e face-va guadagnare somme impensabili. Un affare che si aggirerebbe, solo in Sicilia, in circa tre miliardi di euro potenziali negli ultimi 10 anni. E nes-suno vedeva o denunciava. Fino a quando in quei boschi meravigliosi e unici al mondo non è arrivato Giuseppe Antoci, che è riuscito a spazzare via la mafia dal Parco realizzando un protocollo di legalità che poi è di-ventato legge dello Stato ed oggi è applicato in tutta Italia. Cosa nostra a-veva decretato la sua morte.
La notte tra il 17 e il 18 maggio 2016 Antoci è stato vittima di un attenta-to, dal quale è uscito illeso solo grazie all’auto blindata e all’intervento ar-mato del vice questore Daniele Manganaro e degli uomini della sua scor-ta.
In questo libro Antoci racconta a Nuccio Anselmo la sua esperienza, e il coraggio di tanti altri servitori dello Stato che gli hanno consentito di an-dare avanti nella sua battaglia. E per comprendere meglio il contesto An-selmo ha scritto anche della catena di omicidi ancora irrisolti avvenuti in quelle terre, di Cosa nostra barcellonese e dei Nebrodi, del primo grande processo contro il racket dei clan tortoriciani e delle dinamiche mafiose del territorio.
Giuseppe Antoci
Giuseppe Antoci è stato Presidente del Parco dei Nebrodi dal 2013 al 2018.
Per il suo impegno civile e la sua lotta alla mafia Andrea Camilleri lo ha definito «Un Eroe dei nostri tempi» e il Presidente della Repubblica Ser-gio Mattarella lo ha insignito dell'Onorificenza di "Ufficiale al Merito del-la Repubblica Italiana”.
Tra i molteplici Premi e riconoscimenti nazionali ed internazionali, il «Financial Times», nel novembre 2018, gli dedica la prima pagina e la co-pertina del magazine allegato.



31 Gennaio 2018 - Avviso Pubblico Misura 2

Avviso Pubblico in formato pdf »»
Avviso Pubblico Misura2 in formato pdf »»
Modulo di adesione in formato pdf »»
Pubblicazione del Bando: "il Quotidiano del Molise" pagina 9 »»
Incontri informativi »»
Alcuni momenti degli incontri »»
Graduatoria delle aziende partecipanti al bando di selezione per la Misura 2 – intervento 2.1.1 »»
Graduatoria delle aziende partecipanti al bando di selezione per la Misura 2 – intervento 2.1.1 non beneficiarie »»

Copyright © 2017, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani del Molise, Via G.B. Vico 69/A - 86100 Campobasso tel. 0874418808

Torna ai contenuti